20 Lug 2024
A cura di Alberto Felici - presidente provinciale Acli Terra Fermo, docente Università di Camerino

ACLI TERRA esprime perplessità e contrarietà su due temi nella agenda europea che riguardano l’agroalimentare.

Il primo è quello del Nutriscore, la cosiddetta etichettatura a semaforo, sul quale l’Associazione aclista ribadisce assoluta contrarietà, sostenendo la tesi italiana dell'etichettatura a tabella.

“La notizia che il Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea abbia definito la prima tipologia migliore per i consumatori la consideriamo una pessima nuova – ha dichiarato il presidente nazionale, Nicola Tavoletta – derivante da una parziale lettura del quadro nutrizionale di una dieta regolare ed esemplificando estremamente la comunicazione deviando dalla complessità degli equilibri, quasi a mortificare la capacità di discernimento delle persone”.

I prodotti, secondo Tavoletta, si devono scegliere in base ad una educazione alimentare che si tramuta in una dieta equilibrata nella diversificazione, non nella classificazione del singolo prodotto.

Tale logica semplicistica danneggia i Paesi con una produzione variegata, artigianale e più naturale, come , appunto, l'Italia con tutte le sue innumerevoli specificità qualificate.

Il secondo tema è relativo alla proposta di Regolamento UE sull'uso sostenibile dei pesticidi.

Tale proposta si basa sulla politica del Green Deal e del Farm to Fork, che è stata varata in un contesto mondiale completamente diverso dall'attuale, caratterizzato da drammatiche crisi per i produttori compresa quella energetica.

“Una drastica e immediata riduzione in Italia del 62% - ha affermato il Presidente – implica un impatto esplosivo per gli equilibri lavorativi ed economici delle nostre aziende agricole, in un momento dove, inoltre, non ci sono nuove soluzioni tecniche e in una realtà, quella italiana, dove da anni, con una gradualità spedita, sta aumentando addirittura il biologico con una forte dimostrazione di sensibilità da parte degli operatori, così come abbiamo affermato ad ACLI TERRA BIO & LAV al SANA 2022 a Bologna.

ACLI TERRA – conclude Tavoletta – è una organizzazione profondamente europeista e proprio per questo pone delle riflessioni critiche per rafforzare l'intera filiera agroalimentare del nostro Continente”.  

(DIRE) Roma, 8 set. - Con la crisi energetica è boom per l'agricoltura biologica che consente di tagliare di un terzo i consumi energetici attraverso l'utilizzo di tecniche meno intensive,…
E' quanto sostiene lo studio “Verso un New deal delle competenze in ambito agricolo e industriale”, realizzato da The European House Ambrosetti e Philip Morris Italia e presentato domenica al…

Da questa settimana è possibile segnalare al Magazine di ACLI TERRA www.valoriincampo.net le sagre e gli eventi popolari dei vostri territori, che pubblicheremo. Potete inviare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. storie, recensioni, fotografie, locandine e programmi del vostro appuntamento preferito. Faremo anche le interviste agli organizzatori e reportage per promuovere l'appuntamento. Ovviamente anche palii, rassegne e rappresentazioni che hanno come temi il mondo rurale, le marinerie e, ovviamente, tutta la filiera enogastronomica.
Vi aspettiamo per offrire un servizio informativo ai vostri potenziali turisti.

Intervista alla biotecnologa e componente dell’Area studi e formazione di Acli Terra Lazio

Roberto Pagano

"Nel 2022, in risposta ai bandi pubblici per le misure a superficie del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio, sono arrivate 18.478 domande complessive, tra quelle che hanno confermato impegni…
Il dibattito elettorale sulla gestione dei porti, sollevato dal Sen Matteo Salvini e dall'On.Raffaella Paita è interessante, perché finalmente si parla di un tema importante, masottovalutato nelle agende politiche.Per il…

Le notizie sulla raccolta dell'uva e sulla vendemmia 2022, che prevedono un quantitativo inferiore del 10% e una qualità maggiore, chiaramente evidenziano come la resilienza sia una vera conquista delle aziende italiane nel vitivinicolo.

Le innovazioni tecnologiche sono una svolta formidabile per l'equilibrio delle risorse, come quelle idriche.

«ACLI TERRA rende merito All’Unione Europea per gli strumenti economici messi a disposizione, che hanno innovato le nostre cantine – ha comunicato il Presidente nazionale di Acli Terra, Nicola Tavoletta – Il vitivinicolo sarà uno dei temi di confronto della nostra organizzazione al SANA di Bologna con il sottosegretario alle politiche agricole Sen Gianmarco Centinaio. Il tema che affronteremo, nello specifico, sarà la svolta biologica nell’innovazione e nella sicurezza dei processi lavorativi. ACLI TERRA BIO & LAV è il nome dell’evento, costituito da due seminari che si terranno nei giorni 8/9 settembre».

Come annunciato, saremo a Bologna l'8 e il 9 settembre per partecipare al Sana, il 34° salone internazionale del #biologico e del #naturale.