17 Giu 2024

"ACLI TERRA era in attesa del decreto varato dal Governo che vieta il commercio e la produzione in Italia di carne e di altri alimenti ottenuti in laboratorio, i cibi sintetici o i mangimi sintetici.
ACLI TERRA esprime soddisfazione per tale provvedimento voluto dalle rappresentanze professionali e da tutta la comunità italiana, rappresentata dalla scelta del Governo.
Questo provvedimento si abbina a quello di qualche giorno fa per fare chiarezza anche sulle farine derivate dagli insetti.
Sono tutte misure valide per proteggere e tutelare le persone, rispetto ad una campagna industriale che specula sui bisogni e le ansie sociali con soluzioni per niente benefiche, che minano, invece proprio gli equilibri naturali e sociali".

Così il presidente nazionale di ACLI TERRA, Nicola Tavoletta, l'associazione professionale agricola aclista che promuove, tutela e assiste i lavoratori e produttori del comparto agricolo, olivicolo e delle marinerie, in relazione ai provvedimenti adottati ieri dal governo sul blocco della carne creata in laboratorio.

I dati dell'Istituto Superiore di Sanità affermano che un terzo dei bambini è in sovrappeso oppure obeso, ma a preoccupare sono la Campania e la Calabria che raggiungono rispettivamente il 44% e il 42% nella media regionale.
Su questo aspetto interviene il Componente di Presidenza Nazionale di ACLI TERRA Giuseppe Pacifico, che è anche presidente regionale della Campania della Associazione Professionale agricola e afferma: <<è inaccettabile apprendere che nella patria della Dieta Mediterranea le nuove generazioni abbiano perso il legame con la cultura alimentare tramandata per secoli e giunta a noi come esempio mondiale di corretta alimentazione. E' la dimostrazione che il consumismo spinto ha generato solo squilibri alimentari a danno delle produzioni locali ed oggi ne scopriamo l'ulteriore effetto negativo che si ripercuote anche sulla salute. E' indispensabile ridare alla scuola il suo naturale ruolo di educazione per riscoprire il reale valore del cibo anche in relazione alla salute e allo spreco>>.
Per la Presidenza Nazionale di ACLI TERRA è appunto una iniziativa utile quella preannunciata dal Ministro della Agricoltura e Sovranità Alimentare Francesco Lollobrigida quella di puntare sulla educazione per prevenire con una ora dedicata a scuola.

 

Giuseppe Pacifico

Presidente ACLI Terra Campania

 

Roma, 30 gen - (Nova) - "La salute mentale non è un bonus ma un diritto" scrivono su un cartellone gli psicologi e psicoterapeuti risultati vincitori del concorso indetto dalla Asl Roma 2 che questa mattina hanno protestato davanti alla sede della Regione Lazio. Gli psicologi, che hanno sostenuto le tre prove d'esame durante la pandemia, contestano il lento procedere dello scorrimento delle graduatorie e il fatto che le Asl abbiano indetto altri concorsi senza attingere al bacino dei 750 che giá hanno superato la selezione. "Ad oggi le procedure di assunzione sono state a dir poco opache. Sì continua a procedere per manifestazioni di interesse, mentre la necessitá di servizi sul territorio regionale è disperata, come è testimoniato anche dalla lettera dei direttori dei dipartimenti di salute mentale- ha spiegato alla Dire Giuseppe Sartiano, psicologo e psicoterapeuta tra i 750 risultati idonei al concorso della Asl Roma 2- non capiamo perchè si continuano ad utilizzare queste strane modalitá di assunzione dando linfa al precariato, quando ci sarebbe bisogno di stabilitá". Il gruppo di psicologi sottolinea anche le difficoltá per aver sostenuto un esame complesso, composto da tre prove (due scritte e una orale), in piena pandemia. "Ora chiediamo di essere assunti e di riempire i servizi che sono al collasso".

I manifestanti dicono di non conoscere con precisione il numero di posti vacanti, "ma possiamo dire che sul territorio regionale esistono 250 consultori", e "piú della metá sono scatole vuote perchè non ci sono professionisti al loro interno, e il nostro concorso nasceva con un'intenzione specifica per i consultori", ha detto ancora Giuseppe Sartiano. "Gli scorrimenti molto lenti e gli avvisi di stabilizzazione non sono del tutto in regola - ha aggiunto Liliana Salvati, tra i 750 risultati idonei - Vogliamo chiedere chiarimenti alla Regione. Perchè intanto, molti servizi a Roma e nel Lazio sono sguarniti di personale". Oggi una delegazione degli psicologi è stata ricevuta dalla direzione socio-sanitaria.
Gli psicologi hanno chiesto il rispetto dei bandi pubblici e lo scorrimento delle graduatorie. Anche Eloisa Fanuli, candidata della Lega al Consiglio regionale, ha voluto manifestare la sua solidarietá e vicinanza agli psicologi e psicoterapeuti risultati idonei per il concorso indetto dalla Asl Roma 2 e ancora in attesa di assunzione. "Abbiamo sostenuto la manifestazione fin dall'inizio e mi sono interessata al tema in prima persona", ha detto Fanuli a margine del sit-in.

Roma, 25 gen. (askanews) - "Realizzeremo un ospedale veterinario al servizio anche degli agricoltori per accogliere i grandi animali da allevamento, nella zona della Marcigliana dove abbiamo una area di proprietà del servizio sanitario regionale". Ad annunciarlo Alessio D'Amato, candidato alla presidenza della regione Lazio per il centrosinistra, rivolgendosi alla platea di Coldiretti Lazio all'oasi Kadir Società Agricola Belladonna alla Marcigliana.

In questi anni la Regione Lazio, ha spiegato poi D'Amato ai giornalisti a margine dell'incontro, ha fatto "un grande lavoro per il comparto agricolo soprattutto per quanto riguarda il sostegno al biologico, ai giovani imprenditori, un grande lavoro sulle riserve idriche e l'acqua è un elemento molto importante per l'agricoltura. Dobbiamo lavorare sui mini invasi".

Roma, 24 gen - (Nova) - Con lo stanziamento di 10 milioni e il via libera alla pillola contraccettiva gratuita nei consultori si conclude un percorso avviato nel 2019, quando il Consiglio regionale approvò un ordine del giorno, di cui ero prima firmataria, che puntava a non far pagare la contraccezione orale alle donne e alle ragazze del Lazio. Lo dichiara Eleonora Mattia, presidente della IX Commissione consiliare pari opportunitá, della Regione Lazio, a margine dell'avvio - da febbraio - della pillola contraccettiva gratuita nei consultori del Lazio. "Tra gli obiettivi inseriti nell`odg - prosegue Mattia - anche altre questioni centrali nella tutela della salute riproduttiva della donna, come la garanzia di disponibilitá della contraccezione d`emergenza in tutti i pronto soccorso e consultori del Lazio, il potenziamento della rete e dei servizi consultoriali e il sostegno a programmi di educazione sessuale. Temi che ho particolarmente a cuore tanto che, lo scorso ottobre, avevo rilanciato questa sfida in una Regione, il Lazio, che voglio ricordare essere stata tra le prime in Italia a dotarsi di un protocollo in linea con le linee guida nazionali e internazionali sull`aborto farmacologico che, da quasi due anni, ci consente di distribuire gratuitamente e a domicilio la RU486". "In attesa che l'Aifa (l'agenzia italiana del farmaco) esca dallo stallo, e concluda il percorso per valutare la gratuitá della pillola anticoncezionale per le under 25, quella della Regione Lazio è una risposta importante che si inserisce in un contesto in cui riusciamo a sostenere e garantire servizi territoriali accessibili, diffusi e di qualitá a tutela della libera scelta delle ragazze e delle donne", conclude. (Com)

Pagina 1 di 9