20 Lug 2024

Conclusa la due giorni di ACLI TERRA LAB tenuta a Roma il 16 e 17 marzo per approfondire la nuova PAC e le opportunità dei sostegni riservati agli agricoltori. Proficua l'occasione per affrontare i temi associativi e condividere proposte di sostegno per arginare le problematiche di settore e che ACLI TERRA ha voluto condividere con le Istituzioni sui temi focali e da cui ripartire.

Ai lavori moderati da FRANCESCO VITALE e introdotti da GIUSEPPE PACIFICO componente di Presidenza Nazionale ACLI TERRA, hanno partecipato i rappresentanti Istituzionali, Sen. LUCA DE CARLO Presidente della Commissione Agricoltura del Senato, On. STEFANO VACCARI Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, On. GIOVANNA MIELE Commissione Finanze della Camera dei Deputati, On. GIUSEPPE CASTIGLIONE Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati. 

LAVORO e COMUNITÀ alla base di ogni politica agricola a favore dei nostri operatori agricoli e della pesca. Non ci può essere politica agricola veramente utile se non mette al centro il lavoro e il territorio in cui lavora.

Sono proprio questi i temi che le stesse Acli hanno messo al centro della propria azione associativa, fin dalla loro nascita nel 1944, proprio partendo dalle comunità rurali, ha richiamato Pacifico.

Il primo elemento di riflessione ce lo fornisce l’Istat. Con il 7° censimento generale dell'agricoltura, ci restituisce la rappresentazione di un fenomeno allarmante ovvero il calo demografico delle Imprese agricole italiane. Dal 2010 al 2020 abbiamo perso in media il 30% delle attività con punte del 42% in Campania, seguita con percentuali superiori alla media nazionale dalle regioni con aree più difficili e svantaggiate come la Sicilia, l'Abruzzo, la Liguria ed altre ancora.

La difficile sostenibilità economica delle piccole aziende, concentrate nelle aree più difficili e svantaggiate, “giustifica” solo in parte questo triste fenomeno, dettato da scelte obbligate per le tante famiglie rurali costrette a rinunciare. I dati Istat ci dicono anche che le superfici coltivate non hanno subito grandi riduzioni quindi significa che altre aziende hanno assorbito la gestione dei fondi, aumentando la loro dimensione  media, proprio come auspicato per aumentare la loro competitività. 

A giudicare però dalle enormi difficoltà in cui versa il nostro sistema produttivo agricolo, nonostante i tanti sforzi anche di carattere economico fin qui compiuti, ci accorgiamo che il solo aumento delle dimensioni medie aziendali non è sufficiente per conferire solidità al settore. E’ evidente che l’agricoltura italiana, in un mercato ormai globale, non compete per le quantità ma principalmente per la qualità e la biodiversità delle sue produzioni, per l’identità culturale che queste riescono ad esprimere e per la loro indiscutibile salubrità. 

E’ quindi acclarato che non sono solo le dimensioni aziendali a rendere vincente il sistema produttivo agricolo italiano. Quali sono allora le proposte di intervento per la tenuta del sistema economico agricolo italiano? per preservare l’ambiente, i territori e valorizzare le sue tipicità agroalimentari? Per sostenere l’innovazione organizzativa e tecnologica delle filiere? Il confronto ha provato a fare una prima sintesi.   

PER IL LAVORO: 

Interventi urgenti sia per il lavoro autonomo che per quello dipendente attraverso l’introduzione di una decontribuzione progressiva a favore dei lavoratori autonomi e l’incentivazione all’occupazione con l’esenzione contributiva per le nuove assunzioni . Riduzione dei costi del lavoro passando per la formazione professionale e l’integrazione.

PER LE FAMIGLIE: 

attivazione di fondi salvaguardia e sviluppo per finanziare le misure previste dalla legge per la montagna per assicurare alle comunità rurali i servizi essenziali alle famiglie e favorire la permanenza nei piccoli Comuni.

PER LA COMPETITIVITA’:

Incentivare le produzioni DOP, IGP, PAT e BIO. 

favorire la diversificazione nelle attività agricole con le attività connesse e la ricettività rurale di qualità 

sostenere gli investimenti per l’autosufficienza energetica

Incentivare l’innovazione e la commercializzazione collettiva

PER LO SVILUPPO

Incentivare gli investimenti nella cooperazione di prodotto e della trasformazione 

Favorire lo sviluppo del lavoro cooperativo 

Agevolare l’accesso al credito anche collettivo

Attivare fondi per la formazione professionale

Attuare la semplificazione burocratica per le apertura di attività, per l’assunzione e la gestione del personale

Introdurre semplificazioni fiscali e amministrative per i volumi di affari inferiori ai 50.000 mila euro

Queste ed altre, le principali proposte più urgenti che l’Associazione Professionale delle Acli intende sottoporre alle Istituzioni di ogni livello nell’interesse degli Operatori Agricoli e della Pesca.

 

ba01fd02-fa07-43c6-9988-58efa0c7be45.jpg

 

Giuseppe Pacifico

Componente Presidenza ACLI Terra nazionale

“Narrare il lavoro di donne e uomini nel mondo rurale e nelle marinerie”. È questo l’obiettivo della nuova rubrica radiofonica di Acli Terra per il 2023.

L’annuncio arriva dopo la felice esperienza di Gusto Mondiale, appena conclusa, che ha accompagnato la rassegna calcistica mondiale, svolta in Qatar.

Una serie di 24 puntate quotidiane, di circa 20 minuti, durante le quali un giornalista ha intervistato un appassionato di sport e un rappresentante di ACLI TERRA della filiera del cibo, ponendo domande sui temi del calcio e del made in Italy agroalimentare.

Si sono susseguiti agricoltori, allevatori, pescatori, ristoratori, chef, agronomi, biologi, sommelier accanto a dirigenti di Acli Terra o rappresentanti delle Istituzioni e del terzo settore, accompagnati da quattro speakers: Stefania Ferrara, Roberto Pagano, Mena Rota e Francesco Vitale.

La rubrica è stata curata dalla Agenzia "Italia Stampa" , da "Magistra Group", dal blog "La Ricerca del Gusto" e da ACLI TERRA, ed è andata in onda su Radio Magistra Web e su altre 11 stazioni radiofoniche del circuito Italia Stampa.

Con l’inizio del nuovo anno il presidente nazionale di Acli Terra, Nicola Tavoletta rivelerà i dettagli e le novità del nascente programma radiofonico.

Le rotte aeree da e per la Sicilia sono da decenni necessarie, non solo utili, per la vitalità della Regione e per l'apporto dei siciliani a quella italiana ed europea.

Oggi il costo dei biglietti delle tratte aeree per chi viaggia per e dalla Sicilia è eccessivo, come ha anche sottolineato e denunciato il Presidente della Regione Renato Schifani in questi ultimi giorni.

Per le ACLI della Sicilia, secondo il Presidente regionale e dirigente nazionale Agata Aiello, ciò può rappresentare un ostacolo all’unità familiare in un momento tradizionalmente sentito ,quale quello del Natale, per tanti siciliani che per motivi di studio, lavoro o salute vivono fuori dall’isola durante il resto dell’anno.

Per il Vice Presidente Nazionale di ACLI TERRA Giuseppe Peralta tali aumenti, colpiscono la filiera agroalimentare regionale, incidendo sul turismo dell'Isola.

In una fase storica caratterizzata dai costi energetici già penalizzanti per le imprese ora in Sicilia si evidenzia un ulteriore incremento proprio su un elemento con poche alternative come i trasporti.

Per Aiello e Peralta, a tutela del lavoro, della salute e della coesione sociale è necessario un intervento immediato del Governo su una questione molto delicata che rischia di danneggiare la mobilità di tantissimi siciliani.

Il 26 novembre si è conclusa con una strepitosa manifestazione il Corso di Micologia Promosso dalle ACLI TERRA PALERMO, in stretta collaborazione il Comune di Prizzi, IISS di Lercara Friddi, l’associazione A.M.I.T., Progetto Terra@Terra e il Circolo ACLI Sant’Anna aps.

L’ultima giornata è stata interessata dall’escursione Micologica e Show Cooking organizzato all’insegna della valorizzazione del territorio e dei prodotti tipici

L’escursione è stata condotta sul Monte dei Cavalli (o montagna dei Cavalli, o ancora monte San Lorenzo), rilievo calcareo di 1.007 m s.l.m. della catena montuosa dei Sicani ricadente nel territorio di Prizzi. Passeggiata ecologica di grande valore non solo paesaggistico/naturalistico, ma anche storico. Con gli studenti e gli associati presenti, lungo il sentiero si è discusso molto sull'educazione ambientale, lo studio delle piante endemiche ed il riconoscimento di qualche pianta fitoalimurgica.

Questo ovviamente dettato dalla riserva che regala ai suoi escursionisti perle di carattere naturalistico importanti ed a volte incredibilmente rari e soprattutto grazie alle spiegazioni fornite dal vicepresidente provinciale delle ACLI TERRA PALERMO il Dott. Forestale Giovanni Landini. Dopo l’escursione si è ritornati nell’auditorium di Filaga (Borgata del comune di Prizzi) per completare la parte didattica e degustare alcune pietanze tipiche con l’aggiunta dei funghi tartufati raccolti nei boschi dei monti sicani. La preparazione dei piatti è stata fatta dai ragazzi dell’Istituto alberghiero di Alia, sotto il vigile e costante controllo del Prof. Salvo Mangiapane.

Mentre a conclusione dei lavori, il presidente Acliterra Palermo Gaspare Carbone dopo una lunga riflessione sui temi agroambientali, legati alle diverse tipologie di turismo e alla valorizzazioni dei prodotti tipici dei territori a conclusione dell’escursione ha affermato: “Il nostro più arduo, ma importantissimo, compito risulta quello di formare e informare le comunità sull’importanza del mondo naturale. Perché il rispetto dell’ambiente e il primo punto se vogliamo lasciare alle generazioni future un mondo migliore.”

 

Acli Terra Palermo

Durante la Giornata Nazionale del Ringraziamento, oggi celebrata a Sessa Aurunca in provincia di Caserta, ricordiamo il martirio del sindacalista di ACLI TERRA Giuseppe Fanin, ucciso da tre militanti comunisti il 4 novembre del 1948 a San Giovanni in Persiceto, nella sua Emilia.
Fanin era un alfiere dei diritti dei lavoratori con la visione della dottrina sociale della Chiesa ed è stato barbaramente ucciso proprio per la capacità di sostenere i valori e gli ideali del sindacalismo cattolico a soli 24 anni.
Ieri ed oggi è un servitore di Dio ed è in corso un processo di beatificazione. ACLI TERRA ricorda la sua figura e oggi prende l'impegno di costruire un corso di formazione per i giovani dirigenti intitolato proprio a Giuseppe Fanin.
Una scelta culturale per alimentare il pensiero della dottrina sociale della Chiesa nelle generazioni. Un impegno vivo per un uomo che continuerà a tutelare i diritti per i lavoratori della filiera agroalimentare tramite le nuove generazioni.

Pagina 1 di 3