21 Feb 2024

Ha suscitato grande interesse e partecipazione e interesse tra gli operatori, imprenditori agricoli e le istituzioni, ma anche tra molti cittadini, il periplo (in)formativo e seminariale sulla nuova PAC, la nuova Politica agricola comunitaria 2023-27, organizzato dalle Acli Terra locali pugliesi in collaborazione con Acli Terra nazionale nelle province di Bari-Bat (Barletta-Andria-Trani) e Foggia, Taranto e il Brindisino, svolto nei giorni scorsi.

Tra il 17 e il 19 aprile i massimi dirigenti nazionali e locali e i responsabili tecnici dell'associazione professionale di tutela e assistenza al mondo rurale e marinaro, insieme ai responsabili regionali e locali, con esponenti delle amministrazioni regionali e comunali, del mondo economico produttivo agricolo e del credito, hanno illustrato nel dettaglio tutte le novità normative della PAC con le possibili opportunità e i sostegni previsti per il mondo rurale, incontrando, tra l'altro, oltre 500 realtà produttive pugliesi.

Questo iniziando da Bari, dove le 'Nuove prospettive per gli operatori del settore agricolo' (come recitava il titolo del convegno) sono state introdotte dalla presidente Acli Terra Puglia, Teresa Coppola, con la vice presidente nazionale di Acli Terra e presidente Acli Terra Bari-Bat, Arianna Zizzo, i presidenti Acli Puglia, Vincenzo Purgatorio, e di Acli Bari-Bat, Flora Menolascina, fino al professor Vanni Resta, della Fondazione Manlio Resta, e dettagliate dai relatori-docenti di tutti gli incontri pugliesi, i dirigenti e tecnici nazionali del Caa Acli (Centro Assistenza agricola), come il direttore Paolo Bartoli e il responsabile Uffici territoriali Francesco Fabbrini, ad una affollata sala di agricoltori, imprenditori e cittadini provenienti dai diversi territori.

Eguale interesse e notevole pubblico a Fasano (Brindisi) ha suscitato l'incontro-convegno organizzato congiuntamente da Acli Terra provinciale di Brindisi e l'Amministrazione comunale, 'La Pac 2023-27 e gli eco-schemi', con gli interventi puntuali del già presidente nazionale Acli Terra, Giuseppe Cecere, del Sindaco Francesco Zaccaria, con l'Assessore regionale all'Agricoltura, Donato Pentassuglia, e il Presidente nazionale di Unapol (Unione Nazionale Associazioni Produttori Olivicoli), Tommaso Loiodice.

Le domande e approfondimenti dei partecipanti sui temi trattati si sono susseguiti anche ad Avetrana, in provincia di Taranto, nella giornata del 19, che ha visto l'introduzione del Presidente della importante società cooperativa Assiprol, Salvatore B. Grande, e gli interventi del Primo cittadino, Antonio Iazzi, del Presidente della locale Banca di Credito Cooperativo (BCC), Michele Pignatelli, con il presidente Unalpol, Loiodice.

A Fasano, tra l'altro, è stata consegnata una targa che testimonia la riconoscenza dell'associazione aclista professionale ad uno dei pionieri di Acli Terra regionale e italiana: il già Presidente nazionale Giuseppe 'Peppino' Cecere, oggi a capo di Acli Terra Brindisi.

Il Presidente nazionale di Acli Terra, Nicola Tavoletta, che ha partecipato e concluso tutte le giornate seminariali pugliesi, assieme ai dirigenti-relatori tecnici Bartoli e Fabbrini, ha inteso particolarmente sottolineare la "importanza cruciale della nuova Pac per il prossimo quinquennio per tutto il comparto agroalimentare, in una chiave di innovazione tecnica e sociale indispensabile per tutti, singoli ed aziende. Una tre giorni intensa nei territori della Puglia, che proseguiremo in ogni provincia del nostro Paese".

"Il settore rurale e delle marinerie, e in Puglia con la importantissima olivicoltura, pur segnata dalla gravissima questione Xylella, rappresenta non solo un segmento fondamentale del Pil, ma testimonia qualità e vera eccellenza dei prodotti italiani nel mondo, esprimendo la cultura enogastronomica di tutte le nostre comunità da Nord a Sud. Una filiera - ha aggiunto Tavoletta - che troverà rinnovate opportunità di crescita e sviluppo con la nuova Pac".

P_J07976_.JPG

ALE_8479_.JPG

 

Nel Borgo Fantasma di Apice Vecchia, nel Castello Dell'Ettore, in provincia di Benevento, con ACLI TERRA abbiamo aporofondito ogni tema della nuova PAC, ma vi è una riflessione che vorrei offrirvi.
Li' ho definito una ACLI TERRA "federiciana", evocando le caratteristiche dell'imperatore svevo nato a Jesi,ma protagonista dell'Italia Centromeridionale.
Ho voluto attribuire un aggettivo alla nostra Organizzazione per qualificarla meglio e vi chiedo una attenzione su tale scelta.
Innanzitutto la nostra Associazione dovremmo imparare a definirla non più con i sostantivi, ma con i verbi, perché quest'ultimi rappresentano il divenire, l'azione e cioè la prospettiva.
Sull'aggettivo "federiciano", invece, ci soffermiamo sulle caratteristiche mutuabili per il nostro percorso e la nostra comunità.
Federico II era definito dai suoi contemporanei "Stupor Mundi" e noi abbiamo in merito due compiti: la necessità di sollecitare nella sensibilità delle persone lo stupore, sia nalle eccezione di rieducazione allo stupore, sia in quella di evadere dalla banalità.
Come disse Giulio Andreotti ad un Meeting dell'Amicizia noi dal raggiungimento della Luna abbiamo perso il "sentimento" dello stupore, che abbiamo completamente dimenticato con l'evoluzione tecnologica.
Cosa può fare ACLI TERRA per risvegliare tale sensibilità che rientra anche tra i piaceri?
Provare a far riemergere il gusto della creatività che abbiamo il compito di far sbocciare nel rapporto tra le comunità e la natura.
Ciò con una agricoltura, una zootecnia, una pesca o una acquacoltura che rispondano all'equilibrio tra il benessere personale e quello ambientale, quindi in una visione armonica.
Una armonia che risponda ache al valore della tradizione e alla efficacia della innovazione tecnologica.
Ecco allora che spieghiamo il nostro percorso, focalizzando queste settimane.
Federico II coinvolse i migliori esponenti delle arti, della cultura o della scienze, appunto per progettare e costruire una nuova comunità reale armonica.
Passiamo dai cammini "ideali", che comunque rappresentano una dimensione culturalmente raffinata per la nostra crescita, a quelli "reali".
Ecco perché in queste settimane da Casa ACLI a Milano, passando per l'Umbria, tornando a Roma, proseguendo per il Sannio, l'Irpinia e dirigendoci in Puglia, abbiamo voluto confrontarci con le migliori esperienze tecniche dei consorzi di bonifica, con accademici, tra i quali un Premio Nobel, con professionisti, dirigenti d'impresa e d'amministrazione pubblica o di terzo settore, giornalisti ed esponenti della cultura.
Questo confronto accelerato è per incidere concretamente tramite la Pac, passando efficacemente da una dimensione ideale a quella reale per il bene delle nostre imprese, dei nostri iscritti, della comunità tutta e dell'ambiente.
Gli strumenti economici in campo nella Pac, nel Psr o nelle altre misure Europee ci possono permettere tale missione stupefacente e potremmo dire naturalmente stupenda.
Il prof Riccardo Valentini, Premio Nobel per la Pace, ci ha consegnato anche il compito di essere capaci nell'adattamento, che è temprato anche dalla resilienza, e questo impegno è dirimente pere essere realmente vivi nei processi complessi e, magari, decisivi. Noi possiamo cambiare le cose adattandole ed adattandoci, così torniamo al tema già evidenziato a febbraio delle imperfezioni e del "genio" del compromesso.
ACLI TERRA è realmente federiciana non solo idealmente.
Su una cosa non dobbiamo prendere esempio da Federico II e sono le due scomuniche, continuando a porci come organizzazione di rappresentanza autenticamente cristiana, fedele ad una Chiesa che ha assunto una leadership nel questione ambientale, in quella rurale e in quella delle aree interne.
Le sitesi dei nostri confronti sono sempre e comunque elementi nel contesto della Dottrina Sociale Cristiana.
Nel ringraziare tutte le donne e gli uomini di ACLI TERRA che stanno lavorando in questo percorso vi invito a seguire la nostra programmazione.

Nicola Tavoletta
Presidente Nazionale ACLI TERRA

ACLI TERRA a Apice (BN) incontra le imprese agricole campane e del Mezzogiorno per delineare opportunità e prospettive della nuova PAC 2023-27, la Politica agricola comunitaria

Giovedì 13 aprile 2023 alle ore 18.00 presso il Castello dell’Ettore, a Apice Vecchia (Benevento), si svolgerà il Convegno "La PAC 2023-2027. Nuove opportunità per le Imprese agricole del Mezzogiorno d’Italia e delle Aree Interne".

ACLI TERRA, l’associazione professionale agricola di ispirazione cristiana delle ACLI che promuove, tutela e assiste i lavoratori e produttori del comparto agricolo e delle marinerie, con questo incontro-dibattito tecnico e operativo intende delineare opportunità e prospettive della nuova PAC 2023-27, la Politica agricola comunitaria europea, agli operatori campani, e segnatamente delle Aree interne più distanti per geografia e collegamenti.

L'incontro intende fornire al mondo rurale, che varia dalle imprese tradizionali, produttrici di colture locali, all'olivicoltura, all'area della trasformazione agricola e zootecnica o al segmento dell'agriturismo, gli strumenti per l'innovazione produttiva e tecnologica offerti dalla Pac e illustrare le nuove regole introdotte e le possibili risorse finanziarie e sostegni introdotte dell'Unione europea per il settore.

Il tutto nel quadro della ispirazione aclista di rispetto del Creato, di fronte alle sfide climatiche e dei costi crescenti, con gli agricoltori davvero custodi dell'ambiente e del benessere degli animali, in una chiave di sviluppo sociale ed economico-produttivo sempre più ecosostenibile.

Il programma del convegno di Apice prevede l'introduzione di Giuseppe Pacifico, Presidente Acli Terra della Campania, e i saluti di Don Ezio Rotondi, Parroco di Apice; di Angelo Pepe, Sindaco di Apice; Zaccaria Spina, Presidente Comunità Montana del Fortore; Filiberto Parente, Presidente Acli Terra Benevento; Angelo Iebba, Responsabile Sportello Caa Acli Apice, e di Michele Zannini, della Presidenza Nazionale Acli Terra.

Le Relazioni tecniche saranno affidate a Paolo Bartoli, Direttore Caa Acli, il Centro Assistenza agricola nazionale aclista, e a Francesco Fabbrini, Responsabile Sportelli Caa Acli Territoriali.

Seguirà il dibattito con gli operatori ed il pubblico presente, con anche gli interventi di Tommaso Loiodice, Presidente Nazionale UNAPOL (Unione nazionale associazioni produttori olivicoli), e di Michele Muscio, Presidente Acli Terra della Basilicata.
Le conclusioni del convegno seminariale saranno tratte da Nicola Tavoletta, Presidente Nazionale Acli Terra.

Nel convegno nazionale 'Crisi dell'acqua e del clima', organizzato da Acli Terra Milano e Lombardia, in corso alla sede delle Acli Milanesi, emerge la necessità, sottolineata dai diversi relatori, a partire dai presidenti Danilo Malaguti (Acli Terra Milano) Filippo Pinzone (Acli Terra Lombardia) e Andrea Villa (Acli Milanesi) di interventi mirati e concreti da parte di tutti gli attori istituzionali e non, di fronte all'emergenza climatica e alla siccità, particolarmente aggravata quest'anno.

Per la direttrice del Consorzio Tevere Nera, Carla Pagliari è importantissimo "il ruolo degli operatori agricoli, così come i Consorzi di bacino che salvaguardano e manutengono operativamente i nostri territori".

Per Andrea Villa "A Milano noi ci percepiamo come città del terziario e industriale, ma dobbiamo sempre avere a cuore i nostri fratelli del mondo agricolo. Anzi, si deve pensare a chiudere con una visione planetaria soltanto 'estrattiva' e di dominio del Creato". Mentre per Filippo Pinzone "Abbiamo una grande crisi dell'acqua, e penso al Pavese con le nostre risaie, che ne assorbono molta o la mia zona del Ticino. E nonostante la ricchezza delle fonti delle nostre montagne che sono molto alte. Così oggi esaminiamo e proponiamo le esperienze innovative dei nostri agricoltori e da cui traiamo molte buone pratiche da diffondere. 

Per il Presidente nazionale di Acli Terra, Nicola Tavoletta, che conclude il convegno "La vera sfida è la gestione e manutenzione del patrimonio idrico. Gli agricoltori sono i veri 'gestori' dei territori e vanno sostenuti anche con una legge ad hoc. Torniamo a chiedere, poi, la costruzione di nuovi invasi e incrementare dal 4% al 6 la spesa del Pnrr".

I cambiamenti climatici in atto nel nostro Paese stanno producendo situazioni di grave sofferenza: da una parte gli eventi piovosi estremi, unitamente all’aumento delle temperature, provocano ingenti danni in molte zone; d’altro canto la siccità, che lo scorso anno ha attanagliato soprattutto il nord Italia, tuttora perdura e si prevede un’estate peggiore della precedente.

Il sistema agricolo è fortemente impattato dalla situazione climatica, comportando notevoli problemi alla produzione, anche con perdite di raccolti, e alla gestione delle aziende.

E’ possibile contrastare la crisi climatica, mettere in atto soluzioni efficaci? Cosa possono fare gli agricoltori, le associazioni, gli enti di gestione della rete idrica, le istituzioni regionali e nazionali per affrontare con maggiore fiducia e speranza la prossima stagione? A queste e altre domande si cercheranno risposte convincenti nel convegno “CRISI DELL’ACQUA E DEL CLIMA – GESTIONE E SOLUZIONI INNOVATIVE” che avrà luogo il 31 marzo ore 15 nella sede delle Acli Milanesi in via della Signora 3, Milano, organizzato da Acli Terra Milano-MB, Acli Terra Lombardia, Acli Terra nazionale e Acli Milanesi.

Interverranno fra gli altri: GIULIANA BARBATO (Ricercatrice del CMCC): “Scenari di cambiamento climatico in Italia e in Lombardia – Attività di ricerca per il settore Agricoltura” – MARCO CUNEO e ANTONIO CORBARI: “Testimonianze dal mondo rurale” – MICHELE BOVE (Parco del Ticino): “Acqua e cambiamenti climatici nella pianura irrigua: quali pratiche agricole” – PIERLUIGI CASTIGLIONI (Est Ticino Villoresi): “Gestione idrica in Lombardia e in Italia” – CARLA PAGLIARI (Consorzio di Bonifica Tevere-Nera): “Enti territoriali, gestione e rapporti con le Istituzioni” – NICOLA TAVOLETTA (Presidente Nazionale Acli Terra) per le Conclusioni.

Porteranno i saluti ANDREA VILLA (Acli Milanesi) e MASSIMO MANNI (Consorzio di Bonifica Tevere-Nera).

Il convegno si terrà in presenza, ma si potrà seguire anche in diretta al link zoom

https://aclimilano.zoom.us/j/9416448267?pwd=dTVreXJLQXFzdVNrTUp0aVpZUzdJUT09

Pagina 1 di 4