20 Lug 2024

"Via libera in Conferenza Stato Regioni al decreto che stanzia 15 milioni di euro per i consorzi di tutela delle Indicazioni geografiche del food per valorizzare i prodotti a denominazione, eccellenze che sono il nostro orgoglio e rendono famoso il Made in Italy nel mondo".

Così il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali, senatore Gian Marco Centinaio. "Si tratta di un provvedimento che sostiene la promozione e l'informazione sulla filiera agroalimentare di qualità. Migliorare la conoscenza dei prodotti Dop e Igp permetterà di incrementare la competitività delle nostre imprese e il consumo dei prodotti agroalimentari contraddistinti da riconoscimento Ue, aumentandone la commercializzazione e la quota di mercato".

In una nota si sottolinea che le risorse, pari a 15 milioni di euro, saranno finanziate con il Fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura e potranno presentare l'istanza di contributo i consorzi di tutela riconosciuti e le associazioni temporanee fra consorzi di tutela.

Tra le attività finanziabili, le campagne d'informazione, in particolare sui sistemi delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche; azioni in materia di relazioni pubbliche, promozione e pubblicità veicolate attraverso i principali mezzi di comunicazione tradizionale e i canali digitali che mettano in rilievo gli elevati standard dei prodotti agroalimentari in termini di qualità, sicurezza alimentare e sostenibilità; partecipazioni a fiere di rilevanza nazionale e internazionale e attività di divulgazione, informazione e formazione rivolte a operatori del settore della distribuzione del canale Ho.re.ca.
Ora si attende il decreto direttoriale di apertura del bando per accedere ai contributi.
(RoPag)

Una delegazione di agricoltori piemontesi e siciliani con piantagioni di Topinambur, dal 22 al 24 luglio, sono venuti a promuovere tale coltura nel Lazio e in particolare in provincia di Latina.
L'iniziativa promossa da ACLI TERRA ha visto la partecipazione del Presidente Nazionale Nicola Tavoletta che ha accompagnato gli stessi in incontri con agricoltori del territorio. Il Topinambur è un tubero adatto a crescere nelle zone con canali, quindi proprio nell' Agro Pontino.
Lo stesso prodotto è stato sperimentato in maniera creativa nella cucina di chef locali per dimostrarne le potenzialità culinarie.
Per il Presidente Tavoletta << il confronto diretto tra produttori e potenziali coltivatori ha un valore tecnico importante, in alcuni casi convincente, e la nostra Organizzazione ha la missione di favorirli, soprattutto tra nostri iscritti. Ci ha fatto piacere coinvolgere anche la ristorazione locale. ACLI TERRA svolge su tutto il territorio nazionale tali iniziative di scambio ed apprendimento>>.
Per il Presidente provinciale Maria Cristina Di Pofi << non mi aspettavo l'interesse che ha suscitato tale tubero di origine canadese negli incontri svolti questa settimana, ma è chiara la sua diffusione nelle diete attuali, quindi l'apertura di un mercato per gli agricoltori pontini. I tecnici di ACLI TERRA sono disponibili ad assistere coloro che sono interessati a sviluppare tale coltivazione>>.

Siamo nel pieno di una calda estate. Ma questa volta non ci sembra una occasione di pause rilassanti ma piuttosto si prospetta carica d’ansia e di incertezze, ancor più dopo gli esiti Parlamentari che ci porterà a nuove elezioni nelle prossime settimane. 
 
Non mancavano certo già grosse difficoltà per il sistema economico e produttivo del nostro Paese per la pandemia, la guerra in Ucraina, le crisi energetiche e climatiche da affrontare.
 
I tempi frenetici e le dinamiche repentine del mondo moderno non si conciliano con i ritmi scanditi dai cicli stagionali dell’agricoltura ed in particolare dell’agricoltura delle aree interne che sembra viaggiare con ritmi inversamente proporzionali a quelli delle attività economiche degli altri settori.
 
Osservando poi gli scenari aperti dalle crisi dei tempi recenti non possiamo non notare quanto la progressiva marginalizzazione delle attività agricole delle aree interne coincida con l’altrettanto progressiva tendenza dei mercati ad approvvigionarsi di  quantitativi di massa e da produzioni intensive e magari estere. E solo a seguito di eventi eccezionali come il conflitto in Ucraina, ci accorgiamo che forse favorire gli scambi internazionali per ragioni squisitamente economiche ed a scapito delle produzioni locali, ci ha rende dipendenti e non autosufficienti anche per le materie prime alimentari.
 
D’altro canto, i recenti dati statistici diffusi da Istat ci dicono che in Italia le aziende agricole sono diminuite a 1.133.023 con un calo del 30% nell’ultimo decennio. La Campania detiene il primato nazionale con un calo a dir poco allarmante che si è attestato al 42%. Il dettaglio del dato potrà sicuramente confermare che tale calo riguarda principalmente le aree interne ed in particolare le aree svantaggiate. L’altro dato allarmante riguarda il progressivo invecchiamento della popolazione agricola che oggi registra circa il 60% degli operatori oltre i 60 anni di età e solo il 6% al di sotto dei 30.  Anche il numero degli addetti in agricoltura registra un calo importante: -27,3% con 2,8 mln di addetti. 
 
E’ paradossale assistere a questo silenzioso e drammatico fenomeno in questo momento storico che vede al centro dell’attenzione pubblica l’interesse per la tipicità delle produzioni locali,  il valore paesaggistico del territorio, la qualità di vita più a misura d’uomo nei piccoli centri rurali. Come pure stride con la realtà produttiva che vede ridotto drasticamente il numero delle aziende attive a fronte della crescente e già ricca varietà e quantità di prodotti tipici riconosciuti PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) strettamente connessi quindi con l’agricoltura, la pesca e l’allevamento locali.  La riprova è sempre la Regione Campania che detiene il primato nazionale del numero di prodotti riconosciuti PAT (ben 580) e al contempo, registra il maggior calo di aziende (-42%).
 
Detto questo è evidente dai numeri che NON sono stati efficaci gli interventi messi in campo fino ad oggi dalla politica e dalle istituzioni: 
- Perché non hanno funzionato gli incentivi per favorire il ricambio generazionale nella conduzione aziendale?
- Sono state insufficienti le risorse messe in campo per accompagnare l’ammodernamento tecnologico delle aziende?
Probabilmente entrambi, ma a questo punto è chiaro che manca una direzione di marcia! 
 
Il Bel Paese - noto ed invidiato in tutto il mondo per il suo straordinario patrimonio gastronomico, patria della Dieta Mediterranea iscritta il 16 Novembre 2010 dall’UNESCO nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità, su proposta di Italia, Spagna, Grecia, Marocco, definita “un insieme di competenze, conoscenze, riti, simboli e tradizioni, che vanno dal paesaggio alla tavola” e dichiarando che …è molto più che un semplice elenco di alimenti. Essa promuove l'interazione sociale, poiché il pasto in comune è alla base dei costumi sociali e delle festività condivise da una data comunità, e ha dato luogo a un notevole corpus di conoscenze, canzoni, massime, racconti e leggende. La Dieta si fonda nel rispetto per il territorio e la biodiversità, e garantisce la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali e dei mestieri collegati alla pesca e all'agricoltura nelle comunità del Mediterraneo" - perché non è stato capace di riconoscere questo suo patrimonio come valore da preservare e da valorizzare? 
 
Come ha potuto proprio l’Italia consentirsi di perdere il 30% di questo suo patrimonio produttivo (quasi 400.000 aziende) e il 27% degli addetti (oltre 750.000 lavoratori) a dieci anni dal riconoscimento della Dieta Mediterranea a Patrimonio Immateriale dell'Umanità? 
 
E ci si chiede: con quali prospettive operano oggi le attività agricole, dell’allevamento e della Pesca nel nostro Paese? 
 
Siamo proprio certi che le aree interne siano da destinare a rimanere economie marginali?  Ed è proprio trascurabile l’effetto irreversibile dell’abbandono dei territori e dello spopolamento dei piccoli comuni? 
 
Se proprio fosse così, quali sono gli effetti positivi che ci consegna questa sfrenata globalizzazione della filiera del cibo? al momento 400.000 aziende chiuse e 750.000 posti di lavoro persi! 
Ah, Potrebbe andare peggio nel prossimo decennio.
 
Forse è proprio il caso di cambiare direzione di marcia! 
RIPARTIRE DALLE AREE INTERNE
 
ACLI TERRA DELLA CAMPANIA
È stata approvata oggi in Giunta regionale la Carta Vocazionale Acquacoltura delle zone di mare territoriale della Regione Lazio come previsto dal comma 3 dell’articolo 15 della legge regionale 16/2020.…
<<In queste ore divampano numerosissimi roghi in tutta Italia, così come, purtroppo, abbiamo notizie da decenni - afferma il Presidente Nazionale di ACLI TERRA Nicola Tavoletta-Sicuramente è un fenomeno favorito…
Una grande passeggiata sul mare alberata per unire il porto ai primi palazzi della Marina. È il progetto "Una promenade verde per il lungomare di Cagliari", presentato oggi al Teatro…
Roma, 15 lug.(Adnkronos) - "L'incontro di ieri degli assessori all'agricoltura contro i cinghiali va nella giusta direzione. Non possiamo sottrarci a dare una mano alla nazione. Noi collaboriamo costantemente con…
(DIRE) Roma, 15 lug. - "Dal mese di Giugno a oggi sono state effettuate circa 550 catture di cinghiali nel territorio della Regione Lazio. Nello specifico sono state effettuate: 36…
L’estate che stiamo vivendo sta già registrando temperature da record che si protraggono dal mese di Maggio scorso, con enormi problemi per l’agricoltura e l’allarme siccità che diventa sempre più…
Rendere più incisiva ed efficace l’attività degli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC) per la gestione e il controllo della Peste Suina Africana nell’ambito dei piani di caccia, di selezione e…